Sunday, February 01, 2009

Il mistero dell’antico affresco

Il mistero dell’antico affresco
Elena Canestri
DOMENICA, 01 FEBBRAIO 2009 IL TIRRENO - Grosseto

Albero della Fecondità, restauratori all’opera

Si conosceranno tra poco condizioni attuali e speranze di recupero del famoso “Albero della Fecondità” di Massa Marittima. L’antico affresco, dipinto sulle pareti delle Fonti dell’Abbondanza, sta lottando, da tempo, contro sali e umidità, per mantenere integre le proprie affascinanti forme e colorazioni.
A poco più di un anno dall’ultimo restauro, l’albero dalla ricca simbologia, da sempre attrazione per turisti e visitatori, ha rischiato infatti di scomparire, a causa delle incrostazioni che lo hanno ricoperto; proprio per questo il Comune, consultata un’equipe di esperti, decise di ricoprirlo con un impacco assorbente. In questi giorni, il manto protettivo verrà rimosso, e sul dipinto saranno svolte tutte le analisi chimico fisiche necessarie a valutarne lo stato di salute. Di particolare importanza, sarà la verifica dello stato di umidità della parete affrescata.
Il delicato intervento verrà curato da un equipe dell’Opificio delle Pietre dure di Firenze, del Cnr e della Soprintendenza per i Beni artistici ed Etnoantropologici di Siena. Dalle parole dei responsabili del procedimento, pare che ci siano buone possibilità di poter effettuare un buon restauro sull’Albero, sempre che la situazione, sotto la pellicola pittorica, sia migliorata come si pensa.
Se l’affresco tornerà visibile nell’arco di non molto tempo, Massa Marittima, potrà ancora vantare un’opera di grande pregio, storico, artistico e pittorico; aspetto ancora più affascinante, si tornerà a studiare le simbologie evocate dall’albero da cui pendono organi riproduttivi maschili interpretato negli anni dagli studiosi del settore, alternativamente come: messaggio guelfo contro i ghibellini, celebrazione del buon governo ghibellino e gioioso simbolo di fecondità, avvolto nel contrasto delle streghe e delle aquile nere che lo circondano.

No comments: